martedì, Maggio 11, 2021

Laici di San Paolo

I laici di San Paolo hanno origine agli inizi del 1500 dall'attività di sant'Antonio Maria Zaccaria, il fondatore dei Chierici Regolari di San Paolo, detti padri Barnabiti, delle suore Angeliche e dei Maritati di san Paolo. L'intuizione geniale e profetica dello Zaccaria fu di capire che la vera santità si raggiunge solo con una profonda "riforma interiore" che è richiesta a tutti: sacerdoti, consacrati e laici, in particolare a quelli sposati. Fu così che lo Zaccaria raccolse intorno a sé vari laici sposati, per farli crescere nella conoscenza della fede e maturare nell'amore generoso verso il prossimo. La sua idea era che solo dalla sinergia dei tre stati di vita la Chiesa poteva trovare i fermenti della crescita e del rinnovamento. Solo dopo molto tempo, nel 1986, alcuni laici si riunirono e decisero di sottoporre ai padri Barnabiti ed alle suore Angeliche, il progetto di ricostituire questa realtà. L'approvazione del movimento è stata lenta ed ha comportato alcune difficoltà, poi superate. Oggi i Laici di San Paolo sono una realtà presente in varie parti d'Italia ed all'estero ed ha un compito formativo per i propri membri. La spiritualità si alimenta con la lettura e la meditazione della sacre Scritture, particolarmente delle lettere di san Paolo, e con lo studio degli scritti del Santo fondatore. La loro principale preoccupazione è la "riforma interiore": vincere la "tiepidezza", che porta pian piano a scivolare nell'indifferenza e nella pigrizia spirituale, per ritrovare la forza, la passione e lo slancio della fede autentica intesa quale affidamento completo alla persona di Cristo Gesù.

News

Novità